Home > ULTIME NOTIZIE
Il discorso del S.E. Li Junhua durante il ricevimento per le Celebrazioni del 70°Anniversario della Fondazione della Repubblica Popolare Cinese
驻意大利使馆
2019/09/25

Il 24 settembre si è svolto in Villa Miani il ricevimento per le Celebrazioni del 70°Anniversario della Fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Un particolare ringraziamento alla Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni per le parole pronunciate, e alla Fanfara dei Carabinieri per la loro esibizione. Di seguito riproponiamo il testo integrale del discorso di S. E. Ambasciatore Li Junhua.

"Vi ringrazio tutti per essere intervenuti a questo ricevimento per celebrare insieme il 70° anniversario dalla Fondazione della Repubblica Popolare Cinese.

Il primo ottobre di 70 anni fa, è stata fondata la Repubblica Popolare Cinese. Da allora, il popolo cinese ha preso in mano il suo destino, ha aperto una nuova epoca storica e si è sollevata dall'Oriente del mondo per scrivere un nuovo capitolo della storia.

Durante le avversità non si dimentica lo spirito iniziale, l'eredità dei 70 anni. Abbiamo sempre avuto la missione di “creare ricchezza per il popolo cinese e di far rinascere il popolo cinese”, abbiamo usato le nostre forze, affrontato le difficoltà e combattuto, abbiamo affrancato 700 milioni di persone dalla povertà e fatto sì che 1,4 miliardi di persone entrassero a far parte di una società con un moderato livello di benessere, realizzando un miracolo nello sviluppo dell'umanità.

Attualmente, il tenore di vita del popolo cinese ha registrato un miglioramento evidente, il livello di occupazione, immobili, servizi sanitari è migliorato sempre di più, così come i servizi in ambito di istruzione, cultura, ambiente. Il “sogno cinese” sta diventando realtà.

In 70 anni abbiamo superato spine e difficoltà, facendo sbocciare nuovi frutti. Sosteniamo la leadership del Partito Comunista Cinese, sosteniamo le Riforme e l'Apertura, poniamo al centro la costruzione economica, continuiamo a liberare il potenziale di sviluppo della produttività. Nel corso di diverse decadi abbiamo completato un processo di industrializzazione e rafforzato moltissimo la forza generale del Paese. Nel 2018, il PIL cinese ha raggiunto i 1360 miliardi di dollari, rappresentando il 15,8% dell'economia mondiale e mentendosi al 2o posto nel mondo. Vogliamo utilizzare al meglio le ricchezze della terra e lo sviluppo verde è ormai entrato nei cuori delle persone.

L'eredità di 70 anni porta con sé una spinta costante al progresso e al rinnovamento. Abbiamo da sempre portato avanti la ricerca della verità e affrontato direttamente i problemi, abbiamo riformato coraggiosamente e trovato con successo una via che ben si addice allo sviluppo nazionale della Cina, di fronte alle richieste del popolo, ci siamo fermati e analizzati e ci siamo impegnati per auto-migliorarci ed elevarci, garantendo che la rotta verso il progresso rimanesse immutata. La Cina resta comunque un paese in via di sviluppo e deve ancora affrontare molte sfide. Guardando al futuro sappiamo che il compito che ci attende è arduo, ma siamo pieni di fiducia.

L'eredità di 70 anni ci insegna che l'unione fa la forza e le opportunità vanno condivise. Abbiamo partecipato al processo di globalizzazione economica globale, promosso con convinzione la governance globale, ampliato la portata della fusione con il resto del mondo e contribuito alla crescita economica mondiale per più del 30% per diversi anni di fila.

Di fronte a problemi come il collo di bottiglia della crescita o gli squilibri nello sviluppo, abbiamo lanciato l'iniziativa “Belt and Road” per creare nuove opportunità per lo sviluppo cinese, ma ancor più per portare occasioni di sviluppo condiviso con tutti gli altri Paesi al fine di avere maggiore ritorno e risultati per tutti.

Gentili ospiti, amici tutti, Italia e Cina sono antichi paesi, patria di grandi civiltà, e sono anche partner con una cooperazione di mutuo vantaggio che si sono sempre rispettate a vicenda e basate su un trattamento egualitario. Nel mese di marzo 2019, il presidente Xi Jinping ha effettuato una visita di stato in Italia e i due Paesi hanno siglato il Memorandum di Intesa per la Cooperazione nel Belt and Road definendo la nuova rotta per lo sviluppo dei rapporti bilaterali nella nuova era ed iniettando nuova linfa vitale.

Siamo disponibili, di concerto con il nuovo governo italiano e tutti gli amici italiani, ad implementare le intese tra i nostri due Paesi a stringere ancor di più il nodo del partenariato bilaterale e a promuovere lo sviluppo degli scambi e dei rapporti tra Cina e Italia. Siamo pronti, sotto l'egida del Belt and Road, a impegnarci insieme alla controparte italiana a promuovere nuovi frutti e cooperazioni in settori come le infrastrutture, la cultura e il turismo, la scienza, tecnologia e innovazione, gli sport invernali, la finanza e le telecomunicazioni e i mercati terzi.

Di fronte alle sfide globali, siamo pronti, insieme all'Italia a continuare a rispettare il multilateralismo, a tutelare l'ordine, rispettare le regole e ad essere responsabili portando avanti il libero scambio e promuovendo un'economia mondiale aperta.

Gentili ospiti, amici tutti, di fronte a un momento di cambiamento come il mondo non ne vedeva da un secolo, il futuro e il destino della Cina e del mondo sono interconnessi. Se il mondo sta bene, la Cina sta bene. Se la Cina sta bene, il mondo sta meglio.

In Italia c'è un proverbio che recita: “chi trova un amico, trova un tesoro”. La Cina avanzerà sulla strada dello sviluppo pacifico, continuerà a portare avanti la sua strategia di apertura win-win e si impegnerà a promuovere la creazione di un destino comune per tutta l'umanità. La Cina desidera lavorare di concerto con la comunità internazionale, Italia compresa, per tutelare la pace e la serenità e per costruire insieme ricchezza e prosperità da condividere.

Gentili ospiti, amici tutti, permettetemi ora di proporre un brindisi tutti insieme. Alziamo i calici e auguriamo prosperità, successo e progresso continuo alla Repubblica Popolare Cinese e alla Repubblica Italiana! Che l'amicizia tra Italia e Cina possa essere duratura e sempre giovane!"

Suggest To A Friend:   
Print