Home > SCAMBIO CULTURALE
Scultura italiana in Cina, col patrocinio di Roma Capitale(Comune di Roma)
2011/08/16

Roma, 10 agosto – Ha preso il via il tour cinese de "L'inferno", il colossale altorilievo di Benedetto Robazza che racconta il viaggio di Dante e Virgilio negli inferi. La mostra itinerante è patrocinata da Roma Capitale (Commissione Cultura e Assessorato Politiche Culturali) e il presidente della Commissione Cultura del Campidoglio, Federico Mollicone, accompagna l'opera insieme a sponsor e manager del mondo artistico e dei media.

 

 Prima tappa, l'8 agosto al museo di arte contemporanea "Art Center Seven" di Wenzhou, nel sud est del Paese, dove lo stesso Mollicone ha presentato "L'inferno" di Robazza. "Nell'anno dell'amicizia tra Italia e Cina, lo stesso anno in cui si festeggia il centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia", ha sottolineato Mollicone, "portare in Asia un'opera dedicata all'immortale Divina Commedia di Dante Alighieri vuol dire avviare simbolicamente uno scambio finalmente positivo tra due culture millenarie".

 

L'opera, costituita da 18 pannelli in marmo e resina, ripercorre tutto il viaggio dantesco nei suoi 34 canti. Un continuum di 90 metri quadri, con ogni pannello che misura due metri per due metri e mezzo. "L'inferno" è stato esposto fino ad oggi solo due volte: a Firenze nel 1995 e a Roma nel 2010, a Castel Sant'Angelo. Accompagnato dal commento sonoro di Elio Polizzi, il grande bassorilievo resta a Wenzhou fino al 15 settembre, insieme a una serie di statue in bronzo dello stesso autore ("Walchiria", "Marylin", "Leda e il Cigno", "Rapimento", "Sagittario").

 

A seguire, "L'inferno" sarà esposto nelle maggiori città cinesi. Poi il viaggio toccherà altre mete oltre la Cina e si concluderà a Rio de Janeiro, in occasione dell'anno dedicato all'Italia dal Brasile.

 

10 AGO 2011 – PV


Suggest To A Friend:   
Print